La rinegoziazione del mutuo

Un'alternativa alla surroga o al trasferimento

Forse sai già che se non sei soddisfatto del tuo mutuo, puoi in alternativa

Quello che potresti non sapere è che, oltre a queste due possibilità, puoi anche rinegoziare il tuo attuale mutuo semplicemente rivedendo con la banca alcune delle sue condizioni ed evitando quindi di doverlo spostare.

Questa è un'opportunità definita per legge (Decreto legge n. 93 del 29 maggio 2008) che puoi ottenere, attraverso una scrittura privata, anche non autenticata (e pertanto senza l'intervento del notaio), che non ti priva delle agevolazioni fiscali in essere. 

Ma quali sono le condizioni che di fatto puoi rinegoziare?

  • la tipologia del mutuo: si può quindi passare da un tasso fisso a uno variabile (o viceversa) in base alle tue nuove esigenze
  • la durata del mutuo: riducendola, e in questo caso la rata aumenterà ma il tuo debito si estinguerà prima, o estendendola se hai necessità di alleggerire il tuo piano di rimborso.  

Ricorda che la domanda di rinegoziazione va effettuata con lettera raccomandata a/r.

La banca, per legge, dovrà risponderti indicando se le variazioni che hai richiesto sono state accettate oppure no (o parzialmente).