F23/F24

A cosa servono e per cosa si utilizzano

Con ogni probabilità ti sarà già capitato di dover utilizzare uno dei modelli F23 o F24 per versare dei contributi e può essere che tu li abbia trovati un po' complicati.
 
Proviamo allora a capirne qualcosa di più. 
 
L’F23 viene utilizzato per il versamento di
  • imposte di registro,  ipotecaria e catastale, ad esempio in caso di  compravendita d'immobili
  • imposte sulle successioni e donazioni, e cioè quelle tasse che si pagano a fronte di un traferimento di proprietà. dovuto, ad esempio, alla morte del titolare o per sua volontà a titolo gratuito  
  • sanzioni inflitte da autorità giudiziarie e amministrative, come ad esempio diritti di cancellerie e segreteria giudiziaria, multe e contravvenzioni, ecc.
  • tasse erariali e demaniali, come ad esempio concessioni dei beni del demanio marittimo, militare, ecc.
 
L'F24 invece serve per il versamento della maggior parte dei tributi. Qui sotto trovi alcuni dei principali:
  • tutte le imposte sui redditi, come ad esempio Irpef, Ires
  • le ritenute sui redditi da lavoro e sui redditi da capitale
  • l'IVA
  • Le imposte sostitutive, come ad esempio quelle sulle vendite immobiliari, sui redditi dell'Irap e dell'IVA, ecc.
  • l'Irap, Imu, Tares, Tari, Tasi, Tarsu.
Il modello F24 viene messo a disposizione di tutti i contribuenti, titolari o meno di partita IVA, anche se vi sono delle differenze di utilizzo tra le due categorie. Vediamole:
 
F24 - TITOLARI DI PARTITA IVA
Se sei titolare di partita Iva, devi procedere al pagamento dell’F24 per via telematica, scegliendo tra diverse possibilità:
  • tramite il servizio Entratel o Fisconline, utilizzato per la presentazione telematica delle dichiarazioni fiscali
  • mediante i servizi di remote banking offerti dal servizio bancario
  • affidandoti a tutti quegli intermediari professionisti, Caf e associazioni di categoria – abilitali al servizio Entratel, che si avvalgono anch’essi dei servizi online messi a disposizioni dagli istituti bancari.
F24 - NON TITOLARE DI PARTITA IVA
Se non sei titolare di partita IVA, invece, le opzioni per effettuare il pagamento dell’F24 aumentano. Puoi scegliere infatti di
  • presentare il tuo modello F24 presso uno sportello Equitalia, tramite la banca o l’ufficio postale
  • effettuare il pagamento telematico utilizzando i sistemi di home banking messi a disposizione dalle banche
  • Affidarti ad un CAF.